“All’improvviso, il doppio: ‘Koto ovvero i giovani amanti della città imperiale’ [di Kawabata]“, un mio articolo su Biblioteca Giapponese

Il tema del doppio ha sempre attratto numerosi scrittori, da Plauto a Shakespeare, da Stevenson a Dostoevskij, con forme sempre più vaste e differenti. Doppio come altro, doppio come crudeltà o bellezza, doppio come doppio dell’altro. E potremmo continuare così, all’infinito.

Per parlare di questo romanzo breve o racconto lungo di Kawabata, Koto ovvero i giovani amanti della città imperiale, mi piacerebbe iniziare con un riferimento al mondo dell’arte, in particolar modo a un quadro di Velasquez, Venere allo specchio. (continua qui)

Annunci